FABRICAMENTI, TORNA APERI.QUI! AL VIA IL PROGETTO UN AMICO IN CITTA’

Ritornano gli appuntamenti informali dell’associazione Fabricamenti, nel percorso itinerante di aperi.QUì alla ricerca del senso di comunità, in una nuova esperienza di condivisione ed incontro: una forma innovativa di accoglienza come la presentazione del progetto “un amico in città”. Luogo dell’incontro sarà l’ex ospedale di santa Maria del Buon Gesù, da sempre votato all’accoglienza. Edificato nel 1465, fu ospizio per i poveri ed attualmente è sede della Pinacoteca Comunale “Bruno Molajoli”. Diventata polo attrattivo di cultura per i turisti nel 2006 attraverso la mostra “Gentile da Fabriano e l’altro Rinascimento” e molte iniziative del festival di arte, musica e poesia Poiesis, propone, oggi, la mostra “Da Giotto a Gentile”. Questo appuntamento di Aperi.QUì – condivisioni itineranti vuole così offrire spunti di riflessione su un nuovo senso di accoglienza, tema approfondito da fabricamenti anche in altre iniziative, fondato sul calore e sul valore umano, fondamentale per generare nel visitatore sentimenti di appartenenza ed attaccamento. L’intento è quello di far sì che i luoghi si raccontino per essere visti e vissuti con uno sguardo differente. Con il progetto “un amico in città” si vuole riuscire a creare una nuova figura in grado di mettere in rete l’offerta culturale e ambientale, le eccellenze territoriali e i servizi che il territorio offre. Il progetto, pensato in occasione della mostra “Da Giotto a Gentile” e proposto alla Fondazione Carifac che l’ha appoggiato e finanziato, mette in relazione il turista con la città di Fabriano, attraverso il calore umano, attraverso le persone e le loro esperienze, attraverso il loro sguardo sulla città e il loro modo di viverla, amarla e raccontarla con passione. L’incontro con un amico in città non lascia solo il ricordo, ma un sentimento, una esperienza speciale. Chiunque può proporsi ed essere “un amico in città”, chiunque abbia voglia di accogliere e condividere con i visitatori la propria passione per la città.

La formula dell’ aperi.QUì sarà sempre la stessa, ogni partecipante dovrà intervenire portando con sé il necessario per l’aperitivo e condividerlo con gli altri insieme a cultura, idee ed energie. L’associazione metterà a disposizione dei contenitori per la raccolta differenziata. Ogni singolo partecipante è invitato a farsi lui stesso attore proponendo spunti di riflessione, in linea con lo spirito dell’iniziativa e dell’associazione stessa: la crescita culturale attraverso la condivisione collettiva.

cs

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati