AUMENTANO NELLE MARCHE OMICIDI, FURTI, ESTORSIONI. 811 FALLIMENTI

“In una Distrettuale con dieci pm – come le Marche – servirebbe un procuratore aggiunto”. La giustizia non decolla: pendenze stabili nonostante l’impegno degli uffici (-20% cause penali in appello; 16% cause civili ultratriennali ad Ancona). Due gradi di processo in due anni per l’agguato all’avvocatessa Lucia Annibali, ha detto però il presidente della Corte d’Appello Macrì, danno spazio a speranze. I reati sono in lieve aumento (da 33.373 a 33.967): +25% omicidi, +83% tentati omicidi, +125% corruzione. La procura di Ascoli Piceno segnala una ‘scia’ di reati minori collegati ad antagonismo sociale, connesso al tifo calcistico organizzato su posizioni neofasciste. Crescono furti, specie in abitazione (+49%), usura (+115%), estorsioni (+19%). In calo stalking (-6%) e pedofilia (-17%). Sul fronte economico la crisi si fa ancora sentire: 811 fallimenti dichiarati e 1.776 nuove istanze. (Ansa)

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati