“VELOCITA’ ECCESSIVA NEL CENTRO ABITATO”

Esce con il cane per fare una passeggiata e gli sfugge il guinzaglio: l’animale è stato investito da una macchina che, proprio in quel momento, stava percorrendo quella tratta che conduce nel Pergolese. I proprietari se la prendono con la velocità dei mezzi in circolazione a Sassoferrato considerata eccessiva, soprattutto nel centro abitato dove il limite massimo non supera i 50 chilometri orari. Il fatto è avvenuto nei giorni scorsi, in prossimità della strada che conduce all’asilo nido della città sentina, in località Felcioni. Fortunatamente il cane si è salvato, ma ha riportato gravi ferite. Alcuni residenti chiedono più controlli da parte della polizia locale visto che “nonostante la presenza di un dosso artificiale, le auto corrono giorno e notte”. Dito puntato contro gli automobilisti indisciplinati. La giovane studentessa proprietaria del cane sostiene che in caso “di rispetto dei limiti di velocità chi si trova al volante riesce a frenare quando un animale attraversa improvvisamente la strada. Così si evitano spiacevoli conseguenze sia per le persone che per gli amici a quattro zampe”. Di pensiero diverso altri frequentatori della strada che collega la periferia con il centro città perchè “bisogna stare attenti ai cani visto che quando fuggono senza guinzaglio rischiano di provocare incidenti” e chiedono ai proprietari più attenzione. Segnalazioni di auto che sfrecciano sono arrivate alle forze dell’ordine da via Roma, via Piano di Frassineta e via Crocifisso. Da tempo chi risiede lungo la provinciale che collega Fabriano a Sassoferrato chiede l’installazione dei dossi artificiali. “Qui – lamentano – le auto sfrecciano a tutte le ore, anche se c’è maltempo”.

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati